È allerta alimentare in Europa per delle uova contaminate da un insetticida. Si tratta del fipronil, una sostanza che ha portato al ritiro dai supermercati di alcune uova in Belgio, in Olanda e in Germania. Il problema potrebbe riguardare non soltanto questi Stati, ma potrebbe allargarsi fino a comprendere anche altri Paesi.

=> Leggi l’allerta Listeria per salmone affumicato

I lotti di uova sotto accusa sarebbero arrivati anche in Francia, Svizzera, Gran Bretagna e Svezia. Anche il nostro Paese potrebbe essere coinvolto, perché si è appreso dalle autorità del Belgio che questi prodotti verrebbero commercializzati anche sul mercato italiano.

In Italia non viene utilizzato l’insetticida pericoloso per la salute. Per rimediare all’eventuale presenza di zecche e pulci delle galline nel nostro Paese viene utilizzato un prodotto naturale costituito da mentolo ed eucalipto. È un prodotto sicuro per l’uomo, però in alcuni allevamenti dei Paesi Bassi a queste sostanze potrebbe essere stato aggiunto il fipronil.

=> Leggi l’allerta per mozzarella di bufala La Marchesa

L’Italia potrebbe essere coinvolta soltanto marginalmente, considerato che il nostro Paese ha importato dall’Olanda nel 2017 578 tonnellate di uova di gallina. Il fipronil è un insetticida che viene di solito utilizzato per combattere pulci, acari e zecche.

Questa sostanza è vietata in animali destinati alla catena alimentare. Si sa che risulta molto tossico per i topi, le api, i conigli e alcuni uccelli. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che il fipronil è moderatamente tossico per l’uomo.

Se un individuo viene esposto a questo insetticida può incorrere in alcuni sintomi tipici, come nausea, vomito, dolore addominale e nei casi più gravi crisi epilettiche. Se il fipronil viene consumato in grandi quantità potrebbe determinare danni ai reni, al fegato e alla tiroide.

Per il momento non sono stati segnalati casi di intossicazione. Tuttavia la situazione in Europa potrebbe essere più ampia di quanto si creda. Gli esperti temono che le uova contaminate da fipronil possano rimanere a lungo nella catena alimentare, anche con il loro utilizzo in prodotti trasformati, come pasta e pane.

8 agosto 2017
Immagini:
I vostri commenti
OrlandinaB, giovedì 10 agosto 2017 alle10:58 ha scritto: rispondi »

Bisognerà pur tornare al protezionismo! Questi continui.passaggi di merci estere portano insetti alieni che per es. hanno distrutto gli ippocastani e ogni sorta di contaminanti : mangiamo meno mangiamo meglio usando i nostri prodotti!

Lascia un commento