Allergia, sintomi cutanei e respiratori

Si è in presenza di una allergia quando il sistema immunitario risponde in modo esagerato al contatto con una sostanza percepita come pericolosa e dannosa per la salute, anche in assenza di reali rischi. Gli allergeni che possono scatenare una reazione allergica sono molto numerosi e la reazione dell’organismo varia a seconda della sensibilità individuale, tuttavia la risposta immunitaria scatenata dall’allergene può generare una serie di sintomi comuni, segnali che è importante identificare e descrivere al proprio medio per individuare la causa scatenante e cercare il rimedio più adatto per evitare il problema.

=> Scopri costo e procedura delle prove allergiche


I sintomi che si manifestano in seguito al contatto con uno specifico allergene possono essere sia cutanei sia respiratori, dando origine rispettivamente a disturbi relativi alla pelle e all’apparato respiratorio.

Sintomi cutanei

Prove allergiche

Il contatto con un allergene può scatenare tutta una serie di reazioni a livello dell’epidermide, attivando una risposta del sistema immunitario che genera disturbi anche molto fastidiosi. È proprio il sistema immunitario ad attivarsi in modo esagerato stimolando la produzione di anticorpi e mandando in circolo sostanze chiamate a difendere l’organismo, causando tuttavia un’attivazione incontrollata degli strati superficiali dell’epidermide e delle mucose.

Nello specifico, i sintomi cutanei possono comprendere:

  • arrossamento della pelle;
  • comparsa di macchie rosse o vere e proprie bolle;
  • rash cutanei con o senza prurito;
  • prurito diffuso;
  • rossore e gonfiore;
  • bruciore.

Analizzando la sintomatologia completa, e soprattutto osservando attentamente le reazioni cutanee, il medico può comprendere in modo preciso se si è in presenza di una dermatite allergica da contatto generata appunto dal contatto diretto con un allergene (come il nichel oppure uno specifico alimento, sapone, detersivo, prodotto cosmetico o addirittura farmaco), o se la diagnosi riguarda la comparsa di una dermatite atopica, o eczema, dovuta generalmente a fattori ambientali ma spesso inasprita da allergie di origine alimentare.

=> Scopri sintomi, cause e consigli dell’asma allergica


Rientra tra le allergie che hanno riscontri sulla cute anche l’orticaria, dovuta al rilascio di istamina e caratterizzata dalla comparsa di macchie rosse rilevate e pruriginosi.

Sintomi respiratori

Allergy

Dal polline agli acari della polvere, dalle muffe al pelo di alcuni animali: gli allergeni responsabili di attivare una reazione sproporzionata del sistema immunitario sono molteplici e altrettanto numerosi sono i sintomi che è possibile avvertire. È proprio il contatto con uno di questi allergeni attraverso le vie respiratorie a scatenare la produzione di anticorpi IgE (immunoglobuline E) a cui si deve il manifestarsi di fastidi e disturbi:

  • tosse;
  • congestione nasale;
  • produzione abbondante di muco;
  • lacrimazione e arrossamento degli occhi.

=> Scopri cause e rimedi dell’allergia agli acari


In alcuni casi, inoltre, ai sintomi sopraelencati si aggiungono manifestazioni decisamente più preoccupanti che possono generare asma e difficoltà respiratorie, dovute alla contrazione dei muscoli delle vie aeree e al restringimento delle stesse compromettendo il passaggio dell’aria.

Prevenzione

Per prevenire qualsiasi tipo di reazione allergica è molto utile sottoporsi alle prove allergiche, test non invasivi disponibili per vari tipi di allergeni. In assenza di informazioni certe, tuttavia, è possibile limitare il rischio di sviluppare reazioni fastidiose seguendo alcune norme comportamentali molto semplici:

  • testare un nuovo cosmetico o prodotto su una piccola zona del corpo prima di usarlo in modo completo, al fine di verificare eventuali reazioni cutanee;
  • mantenere sempre ben arieggiati gli ambienti avendo cura di aspirare la polvere quotidianamente;
  • prestare attenzione alla temperatura interna e umidificare gli ambienti;
  • limitare l’uso di tappeti, coperte di lana e animali di peluche;
  • cambiare regolarmente la biancheria da letto.

4 maggio 2018
Lascia un commento