È allarme tonno avariato. Il Ministero della Salute Spagnola (AECOSAN) ha annunciato con un comunicato diffuso dai principali organi di stampa che vi sono diversi focolai di sindrome sgombroide attivi in Spagna e che hanno contagiato circa 100 persone.

=> Scopri le differenze tra tonno sott’olio e al naturale

L’allarme è arrivato anche in Italia e le autorità locali hanno provveduto con il sequestrato delle partite di tonno indicate come avariate. Questo non è bastato però e sono stati necessari nuovi interventi per arginare il problema.

=> Leggi calorie e valori nutrizionali del tonno

Il tonno potrebbe essere stato venduto lo stesso, come sfuso, in piccole quantità nelle pescherie. Quindi, chiunque abbia acquistato tonno fresco in un periodo compreso tra il 25 aprile e oggi deve contattare l’esercizio di vendita e chiedere informazioni sulla provenienza. Qualora si tratti della ditta spagnola Garciden il tonno non deve essere mangiato.

La sindrome sgombroide è una sorta di reazione allergica dovuta al consumo di pesce alterato che, al suo interno, contiene alte dosi di istamina. Generalmente chi ne è affetto ha prurito delle pelle, arrossamento, mal di testa, crampi addominali, nausea, diarrea. Questa malattia è legata all’inappropriato trattamento del pesce durante la pesca, l’immagazzinamento e la lavorazione.

L’allarme, come dicevamo, dalla Spagna si è spostato anche in Italia, Francia, Germania e Portogallo dove la ditta Garciden avrebbe commercializzato alcuni filetti contaminati.

18 maggio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento