Allarme ragno violino: crescono gli avvistamenti a Roma

Il ragno violino, una piccola specie di aracnide velenosa e diffusa su gran parte del territorio italiano, torna a generare preoccupazione. In particolare a Roma, dove negli ultimi tempi sarebbero sensibilmente aumentati gli avvistamenti, forse complice anche il clima estivo. Capace con il suo veleno di causare conseguenze anche serie, questo ragno è tuttavia abbastanza schivo e, per questa ragione, tende a non attaccare l’uomo se non direttamente minacciato.

Stando a quanto riportato dal quotidiano Il Messaggero, nella Capitale starebbero crescendo le segnalazioni in molte zone, in particolare in via Ardeatina e via Laurentina, nonché in prossimità di ampi spazi verdi. Con il caldo afoso, infatti, il ragno violino tende a uscire dalle abitazioni e trovare rifugio all’aperto, sebbene si tratti di un esemplare che ama perlopiù cacciare di notte.

=> Scopri quali sono i ragni velenosi italiani


Dalle dimensioni ridotte, con un corpo di poco meno di 10 millimetri e zampe di qualche centimetro, questo ragno è abbastanza comune su gran parte dello Stivale. Appartenente alla specie del Loxosceles rufescens, lo si riconosce per la presenza di un dorso di una macchia a forma di violino – da cui prende, appunto, il nome comune – nonché per la presenza di sei occhi anziché otto, come per le altre specie. Il ragno manifesta un’indole timida e solitaria, tanto che preferisce passare gran parte del suo tempo nascosto, ad esempio dietro ai mobili, fra i battiscopa o, ancora, protetto da tessuti, lenzuola e scarpe. Sebbene tenda a non avvicinarsi all’uomo, può mordere se si sente minacciato: è il caso, ad esempio, di un ragno violino nascosto in indumento e non identificato prima di indossare il capo.

La gravità del morso dipende dalla quantità di veleno iniettata, nonché dalla sensibilità personale. In genere, inizialmente si avverte un rossore e un vago fastidio, non dissimile dalle punture di altri insetti, tuttavia la situazione può evolvere determinando gonfiore, febbre e, nei casi più complessi, anche necrosi dei tessuti. Non è però tutto, poiché il morso può anche essere veicolo per l’infezione da batteri pericolosi, come lo streptococco. In caso vi sia il sospetto di essere stati attaccati dall’aracnide, è quindi necessario recarsi al Pronto Soccorso, affinché i medici possano allertare il Centro Antiveleni più vicino. Se possibile, si porti con sé l’esemplare, affinché l’identificazione sia più semplice e immediata.

=> Scopri i rimedi naturali contro i ragni in casa


Si possono anche adottare delle misure preventive per evitare spiacevoli conseguenze. Innanzitutto, è bene verificare la presenza di vie d’accesso in casa, come crepe, cunicoli e fori, da chiudere con stucco e cemento. Ancora, può essere utile impiegare zanzariere sulle finestre, nonché controllare e sbattere gli abiti prima di indossarli. Attenzione anche alle scarpe, dove il ragno ama nascondersi, così come a coperte e lenzuola prima di coricarsi.

18 luglio 2018
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento