Tra gli animali che più di frequente si possono incontrare nei parchi cittadini, gli scoiattoli sono forse i più socievoli. Sempre pronti a rubare una nocciolina o un pezzettino di pane, questi esemplari hanno imparato a convivere con l’uomo e non averne paura. In California, tuttavia, si rileva una singolare anomalia: da qualche tempo, infatti, degli scoiattoli si sarebbero resi protagonisti di rari attacchi all’uomo. E gli esperti non hanno ancora certezze: perché un simile comportamento da un roditore solitamente pacifico e rilassato?

Il tutto sarebbe accaduto nel corso delle ultime tre settimane, nei pressi di Novato, così come conferma la divisione di Humane Society di Marin County. In tutti gli attacchi, uno scoiattolo ha deciso di aggredire alcuni passanti, correndo verso di loro, arrampicandosi sul corpo e mordendoli in diversi punti.

Almeno otto persone sarebbero rimaste ferite dall’incredibile incontro con l’aggressivo animale, riportando morsi su mani, braccia, gambe e testa. Una di queste ha dovuto avvalersi del soccorso d’emergenza, presso il locale ospedale, data la profondità dei tagli inferti. Nessuno sembra essere risparmiato: considerata la vicinanza alla Pleasant Valley Elementary School, infatti, anche un bambino e un insegnante sarebbero stati aggrediti lo scorso mese. Lisa Block, portavoce di Humane Society, ha spiegato come il comportamento sia del tutto insolito e, con molta probabilità, connesso sempre al medesimo esemplare.

Non vi sono, però, particolari indicazioni per la popolazione. Le istituzioni locali spiegano come malattie pericolose, come la rabbia, sono molto rare negli scoiattoli, sebbene le vittime siano state comunque sottoposte all’antirabbica per precauzione. Nel frattempo, si studia come gestire la situazione, anche catturando l’esemplare e trasportandolo in una riserva o in un luogo naturale privo di contatto umano, affinché possa vivere la sua esistenza del tutto indisturbato. Non resta che attendere, di conseguenza, il prosieguo di una vicenda del tutto unico nel suo genere.

3 dicembre 2015
Fonte:
UPI
Immagini:
Lascia un commento