Esagerare con il consumo di alcol danneggia gravemente il sistema immunitario. Un problema che può durare a lungo e far sì che le conseguenze sulla salute derivate da una sbornia possano ripercuotersi sulle difese dell’organismo anche in questi giorni. Effetto che potrebbe far sì che il corpo umano fatichi ancora in questi giorni a recuperare del tutto dopo gli eccessi di Capodanno. A sostenerlo i ricercatori della University of Maryland e della Loyola University.

I ricercatori hanno testato gli effetti del consumo di alcol sul sistema immunitario attraverso un test condotto su 15 giovani, uomini e donne, di età media pari a 27 anni. A ciascuno di loro sono stati fatti consumare 4 o 5 “shot” di vodka, bicchierini dal quantitativo ridotto, ma dal medesimo contenuto alcolico.

L’effetto dopo circa 20 minuti è stato, secondo i risultati delle analisi eseguite sui partecipanti, un innalzamento dei livelli delle difese immunitarie. Quest’ultime però sono risultate gravemente compromesse una volta trascorse almeno 2 ore, dato confermato anche in seguito ai test condotti dopo 5 ore.

Secondo i ricercatori il cosiddetto “binge drinking” (una bevuta concentrata in poco tempo per ubriacarsi in fretta e perdere controllo e freni inibitori) influenzerebbe quindi non soltanto la sfera comportamentale. Come ha spiegato la Dr.ssa Elizabeth Kovacs, co-autrice dello studio e ricercatrice presso la Loyola University:

C’è minore consapevolezza riguardo la pericolosità degli effetti dell’alcol in aree differenti, come ad esempio il sistema immunitario.

Questo si tradurrebbe, concludono i ricercatori, non soltanto in un danneggiamento del sistema immunitario, ma anche in una ridotta capacità di guarigione da parte dell’organismo, nell’incremento della perdita di sangue e nell’aumento del rischio di “polmonite e altre infezioni“.

5 gennaio 2015
Fonte:
Lascia un commento