L’energia solare è ampiamente disponibile ed è alla portata di tutti, non utilizzarla è un vero e proprio spreco energetico. Con l’obiettivo di avvicinare le energie rinnovabili ai cittadini, dimostrandone gli usi pratici e immediati, in Serbia sono state installate delle speciali stazioni di ricarica fotovoltaiche, a disposizione dei cittadini.

L’idea è della startup Strawberry Energy che con i suoi Strawberry trees offre la possibilità di ricaricare il cellulare, i tablet, gli eReader, i pc portatili, i lettori musicali e qualsiasi altro dispositivo tecnologico di cui oggi in molti non possono più fare a meno.

Le stazioni di ricarica, a forma di albero, hanno ciascuna 16 prese elettriche e vengono posizionate in luoghi molto affollati e frequentati, come i parchi pubblici, per permettere alle persone di ricaricare il cellulare e al contempo fare amicizia nell’attesa.

In alcuni casi è possibile anche navigare tramite Wi-Fi nei pressi delle stazioni di ricarica solari. Al momento ci sono in tutto 12 stazioni di ricarica solari simili in tutta Europa, di cui 10 in Serbia e 2 in Bosnia-Erzegovina. I fortunati che ne hanno potuto usufruire si dichiarano entusiasti.

Il progetto della Strawberry Energy ha subito suscitato entusiasmo anche oltreoceano, attirando l’interesse della California Community College che si è mostrata seriamente interessata alla tecnologia degli alberi solari.

La Strawberry Energy ha anche ideato altri due caricatori solari portatili mini, da utilizzare in zone non coperte da rete elettrica o in mezzo alla folla, durante grandi eventi come festival e concerti in cui è impossibile ricaricare nel modo tradizionale il cellulare.

L’azienda serba è convinta che soltanto avvicinando le persone agli usi pratici delle energie rinnovabili sarà possibile favorire una transizione energetica pulita in breve tempo in tutto il mondo. La tecnologia rinnovabile disponibile oggi è infatti già più che sufficiente a coprire gran parte del nostro fabbisogno energetico, alimentando i dispositivi di uso comune che utilizziamo più volte al giorno.

19 marzo 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento