Al cinema con il cane: succede negli Stati Uniti

I cani sono ormai considerati dei membri della famiglia a tutti gli effetti e, proprio perché irrinunciabili per i proprietari, vengono sempre più coinvolti in attività un tempo a loro inibite. Si assiste da diversi anni, ad esempio, all’apertura delle porte dei locali pubblici anche agli amici a quattro zampe, grazie anche alle recenti normative che ne permettono l’ingresso in ristoranti purché dotati di apposito guinzaglio e museruola. E sono moltissimi altri i luoghi che si sono convertiti alla presenza di Fido, dalle spiagge agli ospedali, passando per centri ricreativi, parchi di divertimento e molti altri ancora. A questi si aggiunge oggi il cinema.

L’idea nasce negli Stati Uniti, dove una sala di New York ha deciso di offrire un servizio speciale, e certamente dolce, per approfittare del proprio film preferito. Presso la Smith Opera House della Grande Mela, infatti, dall’11 al 17 febbraio sarà possibile portare il proprio cane alle proiezioni.

=> Scopri il cane tripode che porta allegria ai malati in ospedale


L’iniziativa prende il nome di Dog Movie Week e prevede, oltre all’ingresso degli animali nella struttura, la proiezione di titoli speciali per gli amici a quattro zampe: “Best in Show”, “Must Love Dogs”, “The Artist” e “Bolt”. Tutte pellicole che hanno come protagonista un amico domestico, di certo apprezzate sia dai proprietari che dai loro compagni scodinzolanti.

=> Scopri il cane che attende la proprietaria fuori dall’ospedale


Il biglietto per singola proiezione è di 10 dollari per il proprietario dell’animale, mentre il cane potrà entrare gratuitamente. L’unica richiesta è la presenza del guinzaglio, mentre lo staff si preoccuperà del benessere degli amici a quattro zampe, fornendo soluzioni per ogni esigenza, nonché dei piccoli premi alimentari. Le proiezioni, inoltre, saranno effettuate affinché non risultino di disturbo per l’animale, ad esempio con un volume del suono non troppo elevato, dato il delicato udito di questi esemplari domestici.

2 febbraio 2018
Fonte:
UPI
Immagini:
Lascia un commento