Agricoltura bio: aumenta la superficie UE destinata al biologico

Coltivazioni bio in forte crescita in Europa rispetto al 2016. Un incremento che vede l’Italia nel ruolo di elemento trainante con un aumento pari a 300 mila ettari. Il rapporto è stato realizzato da FIBL, l’istituto internazionale di ricerca sull’agricoltura biologica, ed è stato presentato in occasione di Biofach 2018, fiera internazionale del biologico andata in scena dal 14 al 17 febbraio a Norimberga (Germania).

=> Leggi i dati di febbraio 2018 sul biologico in Italia

Secondo i dati presentati l’Italia è seconda solo alla Spagna in termini di superficie destinata all’agricoltura biologica (1,8 milioni di ettari per il BelPaese), mentre è in vetta per quanto riguarda il numero di operatori bio in Europa con 72.154 unità (+20% rispetto al 2015). Rilevanti anche i numeri relativi al mercato del biologico, che nel 2017 è risultato pari a 3,3 miliardi di euro per le vendite entro i confini nazionali (+9% rispetto al 2016) e al 5% delle esportazioni dell’agroalimentare italiano (poco meno di 2 miliardi). Oltre 200 mila gli impiegati in Italia nel biologico tra aziende agricole, trasformazione, distribuzione e nel resto della filiera.

=> Scopri come si ottiene la certificazione di agricoltura biologica

Lato consumi il 3,4% della spesa alimentare fa riferimento all’agricoltura biologica, scelta in base a criteri quali qualità, fiducia e sicurezza. Più di 20 milioni le famiglie che consumano periodicamente cibi bio. Numeri importanti, che devono spingere a mantenere alti i livelli di controllo sul biologico in Italia secondo quanto sottolineato dal direttore generale di EcorNaturaSì Roberto Zanoni:

Quello sulla grande crescita della superficie coltivata a biologico nella UE è l’indicatore di un importante cambiamento in atto. Ora il nostro compito è rispondere con estrema coerenza alle aspettative del consumatore e continuare a tenere in sicurezza l’intera filiera.

20 febbraio 2018
Lascia un commento