Bo e Sunny, i due cani che da anni accompagnano il Presidente Barack Obama e la sua famiglia alla Casa Bianca, sembrano avere davvero poco tempo libero. Soprattutto ora, con l’avvicinarsi del termine del mandato, con un agenda di impegni ormai divenuta fittissima. È quanto rivelano i quotidiani statunitensi, su conferma della First Lady Michelle Obama.

Tra una corsa nel verde e qualche gioco in famiglia, Bo e Sunny devono barcamenarsi tra i vari impegni della loro agenda ufficiale. Una lista di appuntamenti curati dalla stessa Michelle, la quale a inizio di ogni mese approva tutti i loro eventi. Così ha riferito la First Lady:

Tutti li vogliono vedere e scattar loro delle foto. Ricevo una nota all’inizio del mese con le richieste da inserire nella loro agenda, quindi devo approvare ogni loro apparizione.

I due cagnolini, entrambi di razza Cao de Agua Portugues, sono sempre al fianco della famiglia presidenziale nelle occasioni ufficiali, come al tradizionale Easter Egg Roll nel periodo pasquale o alle celebrazioni per l’anniversario dell’insediamento di Barack Obama. Non è però tutto, poiché Bo ha anche un’occupazione ufficiale: quella di aiutante per Dale Haney, il responsabile della manutenzione del grande parco della Casa Bianca.

Tanti impegni, ma poca etichetta: Michelle Obama, infatti, spiega come con i due cani vi sia un rapporto davvero intimo e giocoso, anche all’interno della stessa Casa Bianca:

Possono sedersi sulle mie gambe, sulle sedie, possono accovacciarsi con me. Mi piace sdraiarmi a terra accanto a loro e soffiare sui loro visi. Mi piace farli correre e permettere si rincorrano a vicenda. Sono davvero carini, amo coccolarli e massaggiarli.

Bo è al fianco della famiglia Obama sin dall’inizio dell’avventura alla Casa Bianca, mentre la cagnolina Sunny è stata scelta in occasione della riconferma per il secondo mandato, anche per far compagnia al primo esemplare. In breve tempo entrambi gli esemplari sono divenuti virali, in particolare sui social network.

30 maggio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento