Il mezzo più inquinante al mondo, si sa, è l’aereo. Per quanto efficiente sia, un viaggio in aeroplano consuma decine di volte più carburante di tutti gli altri mezzi a disposizione dell’essere umano. Eppure un modo per risparmiare oltre un decimo del carburante c’è, senza ricorrere a tecnologie avanzate e costose, o ai biocarburanti. Lo ha inventato un gruppo di ingegneri della Flexsys e consiste semplicemente nell’eliminare le cuciture e i rivetti delle ali degli aerei convenzionali.

flexsys

L’azienda, con sede nel Michigan, Stati Uniti, è convinta di avere realizzato il più grande passo nella storia dell’aviazione in quanto, semplicemente cambiando la geometria alare, può arrivare a risparmiare fino al 12% del carburante. Una quantità concretizzabile in milioni di dollari risparmiati, e soprattutto migliaia di tonnellate di CO2 che l’atmosfera potrebbe risparmiarsi. Specialmente se le nuove ali fossero applicate non a un solo aereo, ma a un’intera flotta.

Il nuovo sistema alare si chiama FlexFoil ed è stato inventato nel lontano 2006 dall’ingegnere meccanico Sridhar Kota che ha presentato recentemente i risultati dei suoi studi. Secondo quanto spiega l’ingegnere, questo sistema è ottimizzato per resistere sotto un notevole carico aerodinamico, ma è al contempo resistente tanto quanto lo sono le ali degli aerei moderni. Se questo tipo di ali fosse applicato su un aereo oggi esistente, il risparmio andrebbe dal 4 all’8% di carburante; ma se applicate su un aereo costruito appositamente per sfruttarle al meglio, il risparmio arriverebbe fino al 12%. Come si suol dire, un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per il comparto aeronautico.

24 gennaio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Andreas, giovedì 30 gennaio 2014 alle19:52 ha scritto: rispondi »

Come scritto sopra,hanno totalmente cambiato forma all'ala,conferendogli un'aerodinamicità unica.

Daniele, mercoledì 29 gennaio 2014 alle10:21 ha scritto: rispondi »

Le ali degli aerei sono assemblate con cuciture e rivetti per un motivo. Non vengono composte in pezzi unici perchè in questo modo si limita la propagazione di evenutali cricche ed i loro effetti disastrosi. Come hanno risolto questo problema?

Lascia un commento