Aerei elettrici nel futuro di EasyJet, la novità attesa entro 10 anni

Alimentazione elettrica per gli aerei di linea. Sembra sempre più green il futuro dell’aviazione commerciale firmata easyJet, con la compagnia che potrebbe entro 10 anni schierare i primi aeroplani a zero emissioni. A permettere tale traguardo sarà la collaborazione tra l’azienda britannica e la statunitense Wright Electric.

=> Leggi le dichiarazioni 2016 di easyJet sugli aerei ibridi

Nello specifico la Wright Electric sarebbe al lavoro su un aereo alimentato da batterie in grado di percorrere tratte inferiori alle due ore. Adottando tali velivoli easyJet potrebbe ad esempio operare a zero emissioni su tratte quali Londra-Parigi o Londra-Amsterdam. L’autonomia di volo a cui aspira l’azienda statunitense è di 335 miglia (circa 536 km), una distanza che consentirebbe di trasportare circa un quinto dei passeggeri totali della compagnia britannica. Entusiasta Carolyn McCall, direttrice esecutiva easyJet:

Per la prima volta nella mia carriera posso intravedere un futuro privo di carburante per aerei e siamo eccitati all’idea di farne parte. Adesso è più una questione di quando, non di se, potrà prendere il volo un aereo elettrico a corto raggio.

Il passaggio ad aerei elettrici rappresentare lo step successivo alla riduzione delle proprie emissioni di CO2 (-31%) avvenuta tra il 2000 e il 2016. Inoltre l’adozione di tali nuovi velivoli consentirebbe alle compagnie di ridurre l’impatto sonoro del 50% e di abbattere i costi di acquisto e gestione del 10%. La Wright Electric ha infine ipotizzato l’introduzione dei primi velivoli a propulsione elettrica anche per le tratte maggiori nell’arco di circa 20 anni.

27 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
renzo, venerdì 29 settembre 2017 alle16:35 ha scritto: rispondi »

queste notizie aprono il cuore alla speranza. se l'industria aeronautica sta studiando la produzione e la messa in funzione di aerei passeggeri elettrici, vista la sofisticata tecnologia di cui è in possesso la medesima, non solo sarà un grande passo, ma si avranno significative ricadute anche nell'autotrazione. credo e spero.

Pescespada Trafitto, mercoledì 27 settembre 2017 alle23:59 ha scritto: rispondi »

Cade un'altro muro?

Lascia un commento