Il periodo delle feste di Natale e Capodanno è dedicato al relax e agli affetti, ma anche alle cene e ai pranzi di famiglia. Che sia numerosa o meno, che si preferisca festeggiare tutti insieme o anche da soli, le festività portano in dono un po’ di serenità e tranquillità. Questo è il momento dell’anno da dedicare a se stessi, alle proprie necessità e ai desideri. Il tempo a disposizione raddoppia e per questo motivo l’idea di adottare un nuovo cane o gatto si sposa perfettamente con il periodo. È una decisione importante, da meditare accuratamente e da non affrontare a cuor leggero.

Cani e gatti sono esseri viventi con predisposizioni personali, preferenze, ma anche necessità fisiologiche e alimentari. Non si adotta un animale pensando si possa subito adeguare al ritmo casalingo, quindi non si può ignorare il suo passato e il suo carattere. Ma accogliere un nuovo amico di affezione è un segno di responsabilità e maturità, che comporta la creazione di un equilibrio tra chi ospita e chi arriva. L’apertura e la voglia di accogliere un nuovo affetto sono le basi di questo nuovo percorso, che potrebbe iniziare gradualmente attraverso la conoscenza in canile, seguita da passeggiate e un periodo di affido.

Cuccioli o adulti

Per accogliere un nuovo amico è importante conoscerlo, magari dal vivo facendo visita ai rifugi di zona. Oppure sfogliando le proposte delle associazioni animaliste che strappano gli animali al randagismo. Un cucciolo è sicuramente più vitale ed energico, da seguire passo passo perché conosca il nuovo spazio e comprenda le nuove regole. Un cane anziano è molto più pratico e si adatta facilmente al nuovo ritmo familiare, ma non bisogna dimenticare la sua indole e le sue predisposizioni. La comprensione è la chiave di lettura migliore, unita a pazienza e tranquillità. Ogni animale affronterà il nuovo ambiente in modo soggettivo, per questo è importante rispettare tempi, azioni e carattere. In alcuni casi la presenza di un educatore potrà fornire i giusti mezzi e indicare il percorso migliore da seguire.

Le festività assumono quindi un sapore importante, permettendo al nuovo proprietario di trascorrere del tempo di qualità con l’adottato. Imparando a conoscersi a vicenda, attraverso regole, comandi e molto gioco. L’adozione è una scelta molto importante che non si può sottovalutare, l’animale di affezione pretende rispetto e attenzioni oltre alle cure e all’alimentazione di rito. Oltre a un ambiente confortevole, tempo di qualità e un giusto riparo. Non si possono mettere in secondo piano questi aspetti che sono fondamentali per gettare le basi per la nuova convivenza. Inoltre il nuovo amico farà parte di un nucleo familiare, quello che diventerà il suo branco, per questo è importante avviare un percorso di conoscenza sereno che contempli tutti i membri del gruppo. Il tempo permetterà a tutti di conoscersi meglio, legando a doppio nodo i sentimenti reciproci.

Adozione a distanza

Nel caso non fosse possibile ospitare un nuovo amico, per mancanza di tempo e spazio, è possibile adottarne uno a distanza. In questo modo si potrà dare una mano anche all’associazione oppure al gruppo di volontari che se ne occupa, consentendo all’animale maggiori cure e risorse. È importante rammentare che un animale non è un gioco, non è un oggetto, ma un essere vivente e come tale è bene rispettarlo.

29 dicembre 2015
Lascia un commento