Del fenomeno dei kitler, quei gatti bianchi e neri che ricorderebbero Adolf Hitler, si parla ormai da diverso tempo. Si tratta di una mania dei social network dal maggior successo, complice anche l’estrema somiglianza dei simpatici micini al dittatore tedesco. Oggi la sfida si allarga però all’universo canino, con il primo esemplare pronto a strappare il titolo alla compagine felina. Appare infatti sulla stampa Adolf, un cane dalle macchie sul muso davvero inequivocabili.

Nato da una recente cucciolata, il destino di Adolf è stato segnato proprio dai social network. La proprietaria, orgogliosa dei suoi cinque cuccioli, ha infatti pubblicato su Facebook le fotografie dei nuovi arrivati. Ed è stato in quel momento che, presi dall’euforia delle condivisioni, molti navigatori hanno riconosciuto la somiglianza del cane con il temibile leader nazista.

Ho messo le foto dei cuccioli su Facebook, alcuni dei miei colleghi e altre persone hanno cominciato a commentare. Tutti dicono somigli al nefando leader della Seconda Guerra Mondiale. Sembra abbia un ciuffo laterale e presenta una piccola macchia nera sul naso.

Queste le parole della proprietaria Claire Walsh, così come riportato dal Telegraph. Il cane vive momentaneamente a Swansea, nel Galles meridionale, in compagnia dei proprietari e del figlio della coppia, oltre che ai fratelli della cucciolata. La famiglia sta comunque cercando una nuova abitazione per i nuovi arrivati, non appena saranno sufficientemente cresciuti, per un’adozione fidata e amorevole.

Quella di riconoscere il volto di Hitler in luoghi e volti insoliti, tuttavia, non è una mania limitata ai cani e ai gatti. Qualche tempo divenne virale addirittura un’abitazione, le cui finestre e porte ricordavano il dittatore tedesco, complice anche un tetto a spiovente a ricrearne l’inconfondibile ciuffo. Non resta che attendere, a questo punto, di scoprire quale nuova specie animale darà filo da torcere agli omonimi kitler: dopo gatti e cani, quale sarà il nuovo animale campione di condivisioni?

4 marzo 2015
Fonte:
Lascia un commento