Domenica 22 marzo 2015 si è celebrata la Giornata mondiale dell’acqua, promossa dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per sensibilizzare l’opinione pubblica globale e i Governi sui temi del risparmio idrico e della tutela delle riserve della Terra.

Ieri anche Papa Francesco ha voluto rivolgere un messaggio ai fedeli di tutto il mondo e alle autorità internazionali affinché preservino le risorse idriche del Pianeta. Bergoglio alla fine dell’Angelus ha citato San Francesco d’Assisi e il suo celebre Cantico delle Creature soffermandosi sui versi dedicati all’acqua:

Laudato si’, mi’ Signore, per sora aqua, la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta.

Bergoglio ha ricordato che nei prossimi anni il futuro dell’umanità dipenderà da una gestione sostenibile delle risorse idriche del Pianeta:

L’acqua è l’elemento più essenziale per la vita e dalla nostra capacità di custodirlo e di condividerlo dipende il futuro dell’umanità.

Il Papa ha poi rivolto un appello ai leader di tutto il mondo affinché l’acqua sia finalmente accessibile a tutti in ogni luogo della Terra:

Incoraggio pertanto la Comunità internazionale a vigilare affinché le acque del pianeta siano adeguatamente protette e nessuno sia escluso o discriminato nell’uso di questo bene, che è un bene comune per eccellenza.

L’appello di Papa Francesco per una distribuzione più equa delle risorse idriche acquista particolare rilievo alla luce dei dati diffusi nei giorni scorsi dall’ONU. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite oggi nel mondo si contano ancora 48 milioni di persone senza accesso all’acqua potabile.

Le persone che non dispongono di servizi igienico-sanitari di base per cucinare, lavarsi e proteggersi dalle malattie infettive sono molte di più: circa 2,5 miliardi di individui.

Nei prossimi anni la situazione potrebbe peggiorare perché è attesa una riduzione delle risorse idriche disponibili del 40%. L’ONU spiega che un investimento di 107 miliardi di dollari all’anno per un periodo di 5 anni basterebbe a garantire acqua potabile e servizi igienico-sanitari adeguati a tutti i cittadini e in ogni parte del mondo.

23 marzo 2015
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Silvano Ghezzo, lunedì 23 marzo 2015 alle23:50 ha scritto: rispondi »

Solite ovvietà, senza toccare mai il problema cruciale di fondo.

Lascia un commento