Il portale Eye on Earth, espressione della collaborazione instaurata nel 2008 tra Microsoft e Agenzia Europea dell’Ambiente, estende la propria attività informativa ai dati sulla qualità dell’aria.

D’ora in poi si aggiunge all’iniziale WaterWatch un’ulteriore applicazione, AirWatch, attraverso cui gli oltre 500 milioni di abitanti dell’Unione europea potranno ricevere e inserire nella piattaforma Web interattiva maggiori e più particolareggiate informazioni sullo stato dell’ambiente del loro continente.

Grazie alle stazioni di monitoraggio distribuite sul territorio e alle osservazioni postate dai cittadini il panorama della situazione ecologica in Europa, anche relativo ad aree specifiche, sarà più completo e tradotto in termini facilmente comprensibili.

Secondo Rob Bernard, responsabile della società di Redmond:

Microsoft è impegnata a creare soluzioni per la sostenibilità ambientale che consentano tramite strumenti tecnologici all’avanguardia di visualizzare l’andamento dei cambiamenti in corso. La partnership con l’AEA è un grande esempio di come organizzazioni pubbliche e private mettendo insieme le loro differenti competenze possano affrontare una sfida comune

Eye on Earth sfrutta le innovazioni tecnologiche di Microsoft per combinare dati ambientali e geospaziali mediante la funzione Mappe del motore di ricerca Bing permettendo inoltre al pubblico di implementare il servizio. Il sistema prevede una progressiva trasformazione con un continuo interscambio tra informazioni in situ e provenienti da satellite visibili in modo scalare dal livello globale al locale.

19 novembre 2009
Lascia un commento