L’acqua minerale in bottiglia è un’abitudine saldamente radicata sulle tavole di tutta Italia. Abitudine, però, decisamente costosa e inquinante – segnaliamo sull’argomento un ottimo libro di Marco Bersani, Acqua in movimento -, oltre che perfettamente inutile, visto che a fornirci di acqua potabile ci pensano già gli acquedotti pubblici.

Una recente ricerca pubblicata su Repubblica ha, poi, confermato quanto da anni vanno dicendo in molti: molte paure sulla “pulizia” dell’acqua da rubinetto sono da superare, visto che in media risulta anche più pulita di quella imbottigliata.

Il nostro paese è uno dei maggiori consumatori mondiali di acqua “in plastica” (192 litri di acqua annui a testa), ma questa tradizione non è esattamente “antica”; si è piuttosto affermata a partire dagli anni ’80, con l’invenzione del PET e il crollo dei prezzi di imbottigliamento. Ruolo fondamentale ha giocato anche la pubblicità, capace di creare quello che è per lo più un bisogno indotto.

Nello specifico, la ricerca svolta dalla chimica Valentina Niccolucci e i colleghi del Gruppo di Ecodinamica dell’Università degli Studi di Siena mostra come:

  • L’acqua confezionata costi dalle 500 alle 1000 volte in più di quella pubblica;
  • L’impronta di carbonio (emissioni di CO2) dell’acqua in bottiglia è 250 volte superiore di quella pubblica (stima calcolata prendendo a campione la città di Siena);
  • L’acqua di rubinetto secondo dati OMS in Italia è mediamente più “pulita” microbiologicamente e chimicamente di quella da rubinetto.

E se sono evidenti i motivi ambientalistici per preferire l’acqua di rubinetto, balza agli occhi l’assurdità in tempi di crisi per cui ogni nucleo familiare sprechi ogni anno centinaia di euro per acquistare in negozio qualcosa che arriva comodamente ed economicamente in casa.

Ribadiamo che non si tratta di nulla di nuovo: ricerche del genere vengono fatte ripetutamente e finiscono tutte per concordare con quanto è in realtà di per sé evidente. Resta un tema difficile da far comprendere agli italiani, che diventa urgente con il prossimo referendum – sempre che il governo non lo faccia decadere.

22 aprile 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Antonio, lunedì 15 luglio 2013 alle13:07 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, sono Antonio Nuzzo e vi scrivo da Maddaloni (CE), più che un commento sarei interessato a conoscere la qualità dell'acqua di rubinetto di casa mia. potreste indicarmi come fare. Cordiali saluti Antonio Nuzzo

Guido Grassadonio, sabato 23 aprile 2011 alle7:37 ha scritto: rispondi »

@Luigi credo che se l'acqua di rubinetto di casa tua esce ricca di ossido di ferro (ruggine) sia più da addebitare allo stato dei tubi della palazzina (o dell'appartamento) che non all'acquedotto pubblico. Poi è possibile che mi sbagli....

Luigi, venerdì 22 aprile 2011 alle19:48 ha scritto: rispondi »

Bevo acqua di rubinetto filtrata con osmosi inversa, ma ho profondi dubbi sulla qualità dell'acqua pubblica, soprattutto per le particelle in sospensione. I miei filtri mostrano concentrazioni di particelle scure, probabilmente ossido di ferro e altro, elevatissime. Ho assistito a due o tre cosiddetti spurghi da parte dell'azienda pubblica e sempre l'acqua è risultata marrone scuro per decine di minuti. Mi piacerebbe molto che qualcuno, fra color che stimano e decantano l'acqua pubblica, venisse a bere tale elemento così come arriva, cioè non filtrata. A mio modesto parere ci sono forse gli elementi per l'intervento dei NAS.

Guido Grassadonio, venerdì 22 aprile 2011 alle18:42 ha scritto: rispondi »

@Valentina È vero, come è vero che in gran parte del paese la situazione è ben diversa.

Valentina, venerdì 22 aprile 2011 alle14:40 ha scritto: rispondi »

Mi permetto di ricordare che in alcune parti di Italia l'acqua al rubinetto non arriva con continuità poichè e distribuita in manieradi scontinua dagli acquedotti pubblici. L'acqua minerale a basso costo ha distolto l'attenzione a questo problema poichè è in uso fornirsi di grandi recipienti dove l'acqua ristagna parecchi giorni.

Lascia un commento