L’acido folico e i folati sono molecole che appartengono al gruppo delle vitamine B, infatti questo acido è noto anche come vitamina B9. I folati sono le molecole naturalmente presenti negli alimenti, invece l’acido folico rappresenta la forma sintetica di queste molecole, nonché quella che si trova negli integratori vitaminici o negli alimenti fortificati.

L’acido folico è la forma più stabile e attiva della vitamina B9, che ha dimostrato di essere essenziale per il corretto accrescimento e sviluppo del nostro organismo, sin dai primi giorni della gravidanza.

=> Scopri a cosa serve l’acido folico


Vediamo perché il giusto apporto di acido folico è indispensabile per il corretto accrescimento del bambino nel grembo materno e perché sia da assumere anche prima, quali forme e dosaggi vengono impiegati per l’integrazione e quali sono gli alimenti che ne sono naturalmente ricchi.

Acido folico e gravidanza: perché serve assumerlo

I primi studi in merito all’importanza della corretta assunzione di acido folico, nella prevenzione delle malformazioni congenite, risalgono agli anni ’80 del secolo scorso. Una decina di anni più tardi sono stati ottenuti dati di efficacia più convincenti sull’efficacia dell’acido folico nella prevenzione primaria di anencefalia e spina bifida, definiti più genericamente DTN, difetti del tubo neurale.

=> Scopri l’acido folico in gravidanza


I dati raccolti hanno dimostrato anche la possibilità di prevenire altre malformazioni, come cardiopatie, difetti delle labbra e del palato, difetti del tratto urinario e dello sviluppo degli arti. I dati degli studi clinici sono anche stati confermati da quanto osservato nella popolazione generale.

Uno degli studi più interessanti, in merito all’efficacia della somministrazione di una supplementazione di acido folico prima della gravidanza ,è stato condotto in Cina. In questo Paese sono state individuate due aree diverse: una nel Nord dove vi era una prevalenza piuttosto elevata di DTN, circa 4.8 casi ogni 1.000 nati, e una a Sud a prevalenza bassa di DTD, meno di 1 su 1.000. L’introduzione di alimenti fortificati e la somministrazione di acido folico ha condotto a una significativa riduzione dei casi di DTN, maggiore tra l’altro nell’area del Nord.

Integrazione di acido folico: forme e dosaggi

L’acido folico è disponibile in compresse, da solo o in associazione ad altre vitamine e, talvolta, anche minerali. Il dosaggio consigliato può essere diverso: è più alto per le donne che abbiano già avuto un bambino affetto da DTN, abbiano familiarità per tali malformazioni o soffrano di epilessia o diabete. In tutti questi casi la supplementazione prescritta è di 4-5 mg al giorno. In tutti gli altri casi, per una efficace prevenzione è sufficiente assumere 0,4 mg di acido folico al giorno dal momento in cui sta pianificando la gravidanza.

Fonti alimentari di folati

Le fonti più ricche di folati sono:

  • il fegato, alimento che comunque è di scarso impiego nell’alimentazione moderna;
  • le verdure a foglia larga verde scuro come spinaci, cime di rapa e lattuga;
  • i fagioli;
  • il germe di grano e il lievito.

In seconda linea troviamo:

  • il tuorlo d’uovo;
  • le barbabietole;
  • il succo d’arancia;
  • il pane integrale.

Rispetto alla quantità di folati assunta, quella che viene effettivamente assorbita è circa la metà. I folati sono, infatti, molecole piuttosto instabili: la sola conservazione delle verdura a foglia verde per tre giorni dalla raccolta causa una riduzione del 70% circa del contenuto di folati. Sono massicce anche le perdite durante la cottura: per la diluizione nell’acqua di cottura e per l’esposizione al calore, la bollitura causa una riduzione del 95% circa del contenuto di folati. Per questi motivi, per assicurarsi il massimo apporto di folati, è preferibile consumare frutta e verdura fresche e crude. Nonostante queste scoraggianti considerazioni, un’alimentazione normale basata sul modello della dieta mediterranea assicura il fabbisogno quotidiano di questa vitamina.

10 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento