Accudire un cane riduce il rischio cardiovascolare

I cani possono migliorare sensibilmente la salute dei loro proprietari, sia stimolando un maggiore movimento, che riducendo problematiche psicologiche come ansia e depressione. Molte ricerche, soprattutto negli ultimi anni, hanno confermato gli effetti benefici dell’accudimento di un quadrupede scodinzolante. Tra queste, un recente studio svedese pubblicato sulla rivista Scientific Reports, pronto a sottolineare come la compagnia dell’animale domestico possa ridurre sensibilmente il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Dai dati raccolti dall’Università di Uppsala, è emerso come l’accudimento di un cane possa ridurre del 33% il rischio di morte fra chi vive da solo, contestualmente limitando del 36% la possibilità di sviluppare patologie cardiovascolari e dell’11% la probabilità di un attacco di cuore. Per i proprietari che vivono in famiglie più numerose, invece, i benefici risulterebbero meno sensibili, ma comunque più importanti: un calo dell’11% sulle possibilità di morte e del 15% sulle malattie cardiovascolari.

=> Scopri come i cani migliorano la salute dei sieropositivi


Secondo i ricercatori, affiancare la propria esistenza a Fido potrebbe essere quindi un importante fattore protettivo, soprattutto per chi vive solo. I vasti miglioramenti rilevati in questo gruppo di persone, rispetto alle famiglie più numerose, derivano ovviamente dal fatto che tutte le necessità di cura pesino su un unico individuo, di conseguenza movimento e attività fisica quotidiani sono più elevati rispetto alla popolazione generale.

=> Scopri i benefici dei cani per i bambini


Lo studio ha coinvolto 3.4 milioni di svedesi d’età compresa tra i 40 e gli 80 anni, con un follow up durato 12 anni. Dai dati raccolti, è emerso come la presenza di un cane determini non solo una maggiore attività fisica quotidiana, un fattore protettivo per il benessere di cuore e circolazione, ma anche un incremento del sistema immunitario e dell’equilibrio psicologico. Il cane costringe infatti a uscire più frequentemente, espone a vari cambiamenti climatici durante l’anno e al contatto sociale: tutti elementi che, se combinati, rafforzano la risposta proprio del sistema immunitario e alimentano l’autostima, riducendo ansia, preoccupazione e depressione. Sebbene il solo aiuto del cane non sia comunque sufficiente, poiché serve anche uno stile di vita sano e una dieta equilibrata, gli esperti sono convinti simili risultati possano essere rilevati in tutta Europa, non solo fra la popolazione svedese.

17 novembre 2017
Fonte:
CNN
Lascia un commento