Sono innocui e non veicolano malattie pericolose, tuttavia possono rappresentare un problema a livello dermatologico ed estetico: sono gli acari della pelle, il cui nome scientifico è demodecio dei follicoli e demodex brevis, microorganismi che vivono in simbiosi con l’uomo fin dalla nascita e talmente piccoli da poter essere rilevati solo attraverso un microscopio professionale.

Gli acari della pelle vivono prevalentemente sul viso, all’interno delle ghiandole sebacee e dentro pori e follicoli piliferi. La loro presenza in altre zone del corpo è rara ma non del tutto impossibile, mentre è molto facile la trasmissione attraverso il contatto tra le persone.

=> Scopri i rimedi naturali contro gli acari


Se nella maggioranza degli individui gli acari sono presenti in modalità silente, in alcuni casi, e per cause non ancora determinate con certezza, possono provocare un disturbo della pelle specifico che prende il nome di acne rosacea.

Conseguenze

In presenza di acne rosacea, che non deve essere confusa con la semplice rosacea causata dalla vasodilatazione, la pelle del viso si riempie di pustole e arrossamenti che colpiscono soprattutto le guance, il naso, la fronte. Si tratta di una malattia infiammatoria che potrebbe essere ricondotta a uno stato di stress o di abbassamento delle difese immunitarie, tuttavia non si può affermare che i soggetti colpiti soffrano di una qualche forma di immunodeficienza.

=> Scopri l’argilla verde contro l’acne


A essere colpiti possono essere gli individui di entrambi i sessi e, purtroppo, porre rimedio a questa situazione non è affatto semplice. Prima di descrivere alcuni possibili trattamenti da applicare sulla pelle è bene sottolineare l’importanza di rivolgersi al proprio dermatologo di fiducia già alla prima comparsa dei sintomi, sia per escludere la presenza di altri disturbi sia per farsi consigliare eventuali applicazioni di carattere farmacologico mirate a eliminare i parassiti.

Un aiuto dallo zolfo

Per ridurre la presenza degli acari della pelle è molto utile usare prodotti contenenti zolfo e acido salicilico, entrambi utili grazie alle loro proprietà acaricide e sgrassanti. Il semplice sapone allo zolfo, ad esempio, vanta una serie di qualità benefiche soprattutto per la pelle impura e particolarmente grassa: è astringente e può essere usato anche per detergere l’epidermide caratterizzata da punti neri e impurità, oltre a essere un ottimo antinfiammatorio in caso di psoriasi e dermatite seborroica.

=> Scopri le proprietà del sapone allo zolfo


Può essere comodamente acquistato in erboristeria oppure realizzato in casa utilizzando un paio di cucchiaini di zolfo in polvere, 200 grammi di sapone di Marsiglia grattugiato, 100 grammi di acqua e un cucchiaio di olio di mandorle dolci. In aggiunta è possibile usare alcune gocce di olio essenziale di lavanda oppure di tea tree o di geranio. Il sapone allo zolfo può essere usato la mattina e la sera detergendo la pelle inumidita con acqua tiepida e, successivamente, risciacquando con cura.

Altri rimedi naturali

Sebbene lo zolfo rappresenti un risorsa preziosa per alleviare i sintomi dell’acne rosacea, altri possibili rimedi naturali sono gli impacchi tiepidi di camomilla da applicare sul viso alla sera, oppure una lozione a base di tè verde da massaggiare sulla pelle, favorendo la guarigione delle pustole e la normalizzazione del sebo.

4 agosto 2017
Lascia un commento