Una vera pacchia per gli irriducibili del cellulare, oltre che un’assicurazione in caso di eventi meteorologici estremi: 25 stazioni di ricarica gratuite alimentate a energia solare. È l’ultima iniziativa del sindaco di New York Michael Bloomberg, che ha individuato proprio nei raggi del sole una possibile risposta ai difetti infrastrutturali che hanno lasciato, lo scorso ottobre, 900.000 newyorchesi senza elettricità a causa dell’uragano Sandy.

Collocate in cinque distretti della Grande Mela, le stazioni di ricarica sono parte di un partenariato pubblico-privato con la compagnia telefonica American Telephone and Telegraph Incorporated (AT&T). Alimentati da pannelli solari, i “charge point” saranno attivi giorno e notte, a prescindere dalle condizioni meteorologiche.

Oltre ai cellulari, gli utenti potranno ricaricare smartphone, tablet e altri dispositivi anche se la città è priva di fornitura elettrica. In questo modo, Bloomberg spera di evitare che si ripetano situazioni come quella dei primi giorni dopo la tempesta Sandy, quando molti abitanti di New York percorsero chilometri per riuscire a ricaricare i propri dispositivi elettronici.

La prime stazioni a energia solare sono già in funzione a Union Square (Manhattan), Fort Greene Park (Brooklyn) e sull’Isola del Governatore. Entro la fine dell’estate, inoltre, dovrebbero diventare operativi gli altri punti di ricarica.

19 giugno 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento