Chi si troverà a viaggiare a Madrid alla guida di un’auto inquinante troverà prossimamente qualche ostacolo in più. La capitale spagnola ha infatti deciso che le auto con alte emissioni saranno penalizzate con un aumento delle tariffe per i parcheggi cittadini, così da incentivare i madrileni a passare a modelli più efficienti ed eco-compatibili.

La decisione delle autorità di Madrid nasce dall’esigenza di abbassare i livelli di inquinamento atmosferico che indicano la metropoli iberica come una delle città più inquinate di tutta l’Unione Europea, al punto da superare spesso e di ben cinque volte i livelli massimi di NO2 (biossido di azoto) stabiliti dalle direttive comunitarie e pari 40 microgrammi per metro cubo.

A quanto pare, la colpa di questa situazione è da addebitarsi per buona parte al traffico automobilistico ed ecco che dal primo luglio tutte le automobili inquinanti pagheranno una sorta di sovrattassa per i parcheggi, fino ad arrivare ad un aumento del 20% rispetto alle normali tariffe. Di contro, le auto ibride avranno uno sconto del 20% e quelle elettriche potranno parcheggiare gratuitamente.

Per Elisa Barahona, responsabile della sostenibilità di Madrid, la scelta dell’amministrazione locale si spiega in poche e semplici parole:

Abbiamo pensato che sarebbe giusto far pagare di più le auto che inquinano di più, oltre a compensare coloro che utilizzano veicoli più efficienti.

Con le tariffe per i parcheggi più care (i prezzi oscilleranno tra 66 centesimi e 3,29 euro all’ora) si cerca di scoraggiare l’uso di un’auto privata con oltre 10 anni di età, ovvero quella fascia di veicoli che non corrispondono alle direttive europee più recenti e che sono caratterizzati da consumi ed emissioni superiori rispetto alle vetture recenti.

La portata delle politiche di Madrid per contrastare l’inquinamento atmosferico è però più ampia e comprende un programma che mira a rinnovare il parco autobus in servizio urbano, sostituendo i mezzi più vecchi con altri più efficienti, oltre alla disponibilità di un servizio di bike sharing la cui partenza è prevista il mese prossimo.

5 maggio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento