L’associazione ARC, con il supporto dello sceriffo della contea di Coffee County, ha tratto in salvo 90 esemplari di cane. Tra cuccioli e adulti, anche 7 gatti trattenuti in modo drammatico all’interno di un’abitazione a Manchester, città statunitense del Tennessee. Forse un caso di animal hoarding oppure un allevamento illegale, dove gli esemplari sono apparsi tutti piuttosto sofferenti e debilitati, frustrati dalla condizione di reclusione all’interno di gabbie minuscole e abuso fisico. La situazione di innegabile violenza hanno convinto lo staff dell’associazione Animal Rescue Corps a partire subito alla volta dell’abitazione, nonostante fosse impegnato in un un altro stato.

I cani, quasi tutti di razza Golden Retriever, Shih Tzu, Yorkshire Terrier e Border Collie, erano chiusi in box, trasportini e gabbie di ferro poco più grandi del loro formato. Sporchi e denutriti, erano costretti a dormire sopra le loro feci e urine, nella quasi più totale oscurità. La polizia ha rinvenuto gli esemplari in casa oltre che nel garage, ma anche all’interno di un granaio poco distante. Inoltre è stata identificata una carriola carica di corpi ormai in decomposizione.

Per molti dei cani presenti è stato richiesto l’intervento immediato del veterinario, che ha prestato rapidamente cure e soccorso. Tutti gli esemplari sono stati quindi tratti in salvo, mentre il proprietario è stato denunciato per violenza sugli animali e per aver violato molte norme della contea.

La ARC e l’ufficio dello sceriffo sono giunti presso la casa dopo una serie di segnalazioni e richieste di intervento: l’operazione, ribattezzata Operation Midnight Run, ha permesso il salvataggio di tutti gli esemplari e la loro messa in sicurezza. Gli stessi riceveranno rapidamente cure e vaccinazioni, quindi verranno assistiti fino a quando non recupereranno salute fisica, mentale e serenità. Verranno poi smistanti nei rifugi e nelle organizzazioni di tutto il paese così da trovare presto adozione e una nuova famiglia, dove poter dimenticare il dolore provato.

14 aprile 2015
Lascia un commento