I ritmi di vita sempre più veloci, le maggiori responsabilità familiari e una posizione lavorativa non sempre stabile, negli ultimi anni hanno incentivato la diffusione di piccoli disturbi legati all’umore. Stress, ansia, insoddisfazione e stanchezza: tutti elementi che, anche nelle declinazioni più contenute, possono rendere la quotidianità molto fastidiosa. Vi sono dei cibi, tuttavia, che possono risultare d’aiuto nel contenere la loro manifestazione, grazie alle loro peculiarità nutrizionali. Quali sono e, soprattutto, in che modo agiscono?

Prima di cominciare è bene specificare come, per i disturbi legati all’umore, una corretta alimentazione potrebbe non essere sempre sufficiente. È bene chiedere il parere del medico, infatti, o rivolgersi al proprio psicoterapeuta di fiducia per analizzarne le cause, comprenderne la gravità e intraprendere i percorsi di cura più indicati per ogni singolo caso. Le informazioni che seguono, di conseguenza, hanno carattere unicamente generico.

Lattuga

È uno degli ortaggi più diffusi e amati, poiché delicato nonché adatto alle più svariate ricette. La lattuga, consumata nelle sue varietà per tutto il corso dell’anno, ha però anche buoni effetti sul mantenimento del buon umore. Come tutte le verdure a foglia verde, garantisce un buon apporto di triptofano, un amminoacido essenziale per la sintesi della serotonina. Quest’ultima, conosciuta proprio con il nome di “ormone del buon umore”, è essenziale per stimolare positività mentale e serenità, nonché per combattere anche la stanchezza tipica di alcuni periodi dell’anno, quali quella della primavera.

=> Scopri gli alimenti utili alla serotonina


La lattuga è poi ricca di vitamine A ed E, ideali per contrastare i radicali liberi e rallentare l’invecchiamento cellulare, ma anche di vitamina C, prima arma per il rafforzamento del sistema immunitario. Ancora, vede un buon apporto di minerali come calcio, ferro, magnesio e molti altri ancora.

Cioccolato fondente

È di certo uno degli alimenti più amati, nonché fra i più irresistibili, soprattutto per i palati golosi. Il cioccolato fondente è da sempre considerato fra i cibi amici dell’umore, innanzitutto per la sua capacità di gratificare il gusto e, contestualmente, stimolare il rilascio di endorfine e serotonina.

=> Scopri i benefici del cioccolato sulla salute


Questo alimento, tuttavia, ha altre peculiarità ben più specifiche per il controllo del tono dell’umore: soprattutto nelle forme più pure, il cioccolato fondente vede buoni quantitativi di teobromina. Si tratta di un alcaloide naturale presente nel cacao, e naturalmente nei suoi derivati, dall’azione stimolante del sistema nervoso centrale. Oltre a risultare rinvigorente, migliora l’umore garantendo una maggiore positività mentale, nonché una naturale gratificazione. Attenzione, tuttavia, al consumo se in casa vi fossero cani e gatti: la toobromina può avere effetti tossici su questi animali domestici.

Banane

Non è di certo un segreto: grazie all’elevato apporto di potassio, le banane sono uno degli alimenti più consigliati come remineralizzanti, soprattutto durante la calura estiva. Sebbene indirettamente, l’effetto del potassio sul tono fisico, e sulla riduzione della stanchezza, può essere quindi d’aiuto anche per migliorare l’umore, rendendo più reattivi ai compiti quotidiani.

=> Scopri i benefici delle banane


Oltre al gusto piacevolmente dolce, ideale per le più svariate ricette, le banane hanno anche delle proprietà nutrizionali del tutto interessanti. Come la lattuga, ad esempio, presentano medi livelli di triptofano, indispensabile per la produzione di serotonina. A questo si aggiunge la vitamina B6, anch’essa legata alla produzione di questo ormone, mentre le vitamine A e C proteggono il sistema immunitario con un effetto antiossidante. Il buon contenuto in fosforo, infine, può essere d’aiuto per migliorare la memoria e le capacità di concentrazione, allontanando lo stress.

Noci e semi

Le proprietà nutrizionali della frutta secca sono da tempo note e, nonostante tenda a essere più calorica rispetto a quella fresca, vede anche un apporto maggiore di proteine, sali minerali e alcuni amminoacidi. Le noci, in particolare, risultano decisamente ricche di acido folico e triptofano, ma anche e soprattutto di Omega 3. Questi ultimi, oltre a garantire il benessere dell’apparato circolatorio, pare siano connessi alla riduzione degli episodi depressivi, poiché concorrono anch’essi alla produzione e al rilascio di serotonina ed endorfine.

=> Scopri come stimolare la serotonina


Oltre alla frutta secca, importante è anche la grande famiglia dei semi, poiché ricchi di sali minerali. In particolare, quasi tutte le varietà sono ricche di magnesio, essenziali per il buon mantenimento sia del tono muscolare che del benessere mentale. Fra i tanti, i più famosi e facili da reperire sono certamente i semi di girasole.

2 aprile 2017
Lascia un commento