5 addobbi per Halloween dal riciclo creativo

La festa di Halloween rappresenta uno degli appuntamenti più attesi nella seconda festa dell’anno, soprattutto per i più piccoli: la sera del 31 ottobre, infatti, i bambini si travestono nei modi più spaventosi, per poi visitare il vicinato al grido di “dolcetto o scherzetto”. Sebbene questa festività sia di origine anglosassone, da qualche anno è sbarcata anche in Italia, dove raccoglie sempre più consensi. Ma come abbellire la propria casa, tra rabbrividenti fantasmi e le immancabili zucche, senza spendere troppo denaro e rispettando l’ambiente? La risposta è nel riciclo creativo.

Di seguito, cinque proposte per trasformare l’appartamento nella perfetta notte delle streghe, approfittando di materiali abbondantemente presenti in casa. La preparazione è molto semplice e, naturalmente, può comprendere la partecipazione dei più piccoli, prestando però attenzione nel maneggiare elementi come forbici e taglierini, da riservare agli adulti.

Ragni e pipistrelli: stoffa e cartone

Pipistrello di Halloween

Ragni e pipistrelli rappresentano due degli elementi immancabili durante la notte di Halloween. I primi sono simbolo di una delle paure più diffuse al mondo, quella dell’aracnofobia, mentre i secondi sono da sempre associati alla figura dei temibili vampiri.

=> Scopri come intagliare la zucca di Halloween


Partendo proprio dagli animaletti a otto zampe, è possibile crearne degli esemplari con della stoffa di riciclo, come velluto, jeans o altri tessuti robusti. Ovviamente, si dovrà prediligere una colorazione scura, per ottenere un effetto più realistico. Per il corpo del ragno, è necessario realizzare due morbide sfere: una più grande per l’addome e l’altra più piccola, per il muso. Per realizzare un singola sfera, si piega a metà la stoffa e, aiutandosi con un barattolo o il compasso, si traccia un cerchio. A questo punto lo si ritaglia, lasciando uniti i due lembi di stoffa a ridosso della piegatura, e si cuce il profilo lasciando un piccolo spazio aperto. Tramite questa fessura si potrà inserire carta di giornale, vecchia gommapiuma, cotone o strisce di stoffa, per rendere la sfera morbida. In caso si preferisse una cucitura interna e non visibile, questa dovrà essere realizzata a rovescio, rivoltando poi la stoffa a termine dell’operazione. Terminata l’imbottitura, si chiude il precedente spazio aperto. Per le zampe, invece, si possono usare vecchi collant o gambaletti da riempire con cotone, gommapiuma o tessuto. In alternativa, possono essere ritagliate dal cartone, spennellate di colla vinilica e cosparse da ritagli di fili di lana, per ricreare l’effetto dei peli degli esemplari più spaventosi. Al termine si assembla il tutto cucendo le varie parti.

Per il pipistrello, invece, è sufficiente ritagliare dal cartone la sagoma dell’animale, anche aiutandosi con una stampa presa dal Web come riferimento. Lo si dipinge con tempera nera e, quando asciutto, può essere appeso alle finestre per creare un gioco di ombre con le tende e le luci che provengono dall’esterno.

Lanterne: vetro e carta

Lanterne di Halloween

Le lanterne sono immancabili nel giorno di Halloween: le stesse zucche intagliate, le cosiddette Jack O’ Lantern, vengono spesso accompagnate da un lumino interno per ricreare splendidi giochi di ombre sulle pareti delle stanze. In assenza dell’ortaggio, tuttavia, è possibile realizzarne di bellissime semplicemente riciclando dei barattoli di vetro.

Dopo aver lavato e asciugato i barattoli, si dipinge la superficie con tempere per vetro o ceramica, lasciandosi guidare dalla fantasia. Si può creare una faccia spaventosa, realizzare il profilo di un gatto nero, disegnare un ragno o altri insetti. Una volta asciugato il colore, si posiziona all’interno circa un centimetro di ghiaia fine, quindi si adagia un piccolo lumino bianco. La lampada può essere posizionata su tavoli e davanzali o, ancora, appesa legando del resistente spago sotto il collo del vasetto. Naturalmente, trattandosi di oggetti illuminati dal fuoco, dovranno rimanere lontani da elementi infiammabili quali le tende, ma anche da bambini e animali domestici.

=> Scopri le decorazioni di Halloween con i cartoni del latte


In alternativa, si possono realizzare delle decorazioni – anche tridimensionali – con carta velina o crespa, da avvolgere attorno al vasetto. Potranno essere fissate con colla vinilica o a caldo, a seconda della propria fantasia. Come facile intuire, data la presenza di carta, l’inserimento di un classico lumino potrebbe risultare molto pericoloso: meglio, allora, affidarsi ai sicuri LED a batteria, da adagiare direttamente sul fondo del barattolo.

Fantasmi e streghe: feltro e legno

Fantasma di stoffa

Anche fantasmi e streghe non possono mai mancare durante questa magica notte dell’anno, poiché simboli indiscutibili delle celebrazioni. Un’ottima idea potrebbe essere quella di realizzare dei bellissimi segnaposto, con cui rallegrare la cena dei più piccoli o dei propri invitati.

=> Scopri come riciclare cartone e plastica ad Halloween


Per farlo, è sufficiente procurarsi del feltro: bianco per i fantasmi e nero per le streghe. Se ne taglia la sagoma, avvalendosi anche di una stampa di riferimento, dopodiché la si completa con dei ricami con filo a contrasto, per rafforzare il bordo o inserire elementi come occhi e bocca. In alternativa, questi elementi possono essere applicati con la colla a caldo, recuperando vecchi bottoni. Per realizzare la tipica scopa volante della strega, infine, è sufficiente recuperare un rametto di legno secco: il ciuffo potrà essere realizzato con del filo di rafia sfilacciato, incollato sul bastoncino sempre con la colla a caldo.

14 ottobre 2018
Lascia un commento