Sono 101 gli animali prelevati e tratti in salvo da uno zoo di Tehuacan, città a 200 chilometri da Città del Messico, nell’omonimo stato. La struttura aperta ai visitatori sarebbe di proprietà di Sergio Gomez, un membro del Pan, ovvero il Congress for the National Action Party. I funzionari messicani per l’ambiente avrebbero fatto irruzione nello zoo dopo molte segnalazioni da parte dei cittadini paganti, scoprendo quindi una serie di animali stipati in gabbie anguste e strette. Obbligati alla convivenza forzata, senza cure adeguate alla loro stazza, al limite della violenza.

Tra le tante specie salvate dalla condizione violenta, il numero maggiore era rappresentato da leoni, tigri, giaguari, puma, orsi, bufali e cammelli. I 101 esemplari graziati dal salvataggio erano accuditi in condizioni deplorevoli e di vera incuria, con una pessima ventilazione all’interno delle gabbie che rendeva il loro respiro difficoltoso. Infatti i box di ferro erano quasi tutti sovrapposti tra di loro, creando una sorta di colonna innaturale che rendeva gli animi stessi insofferenti e spesso aggressivi. Palpabile l’assenza di spazio vitale, quindi della giusta tranquillità e serenità.

All’interno dello zoo gli animali presenti prima del recupero erano 240, quindi un numero spropositato per la struttura, un ambiente piccolo e non con le adeguate protezioni per il pubblico. Infatti i visitatori erano liberi di inserire le mani tra le grate delle gabbie, spaventando gli esemplari e rischiando reazioni aggressive da parte degli stessi. Ora i funzionari stanno lavorando velocemente per individuare nuove strutture dove smistare gli animali, così da garantirgli una vita più tranquilla anche se di reclusione.

Da tempo il Messico mostra un atteggiamento positivo nei confronti della lotta contro la violenza e l’abuso di animali, tanto da aver introdotto una serie di leggi ad hoc. Oppure vietando l’utilizzo degli animali come intrattenimento circense nella zona di Città del Messico e altri sei stati, normativa che presto verrà votata dal congresso federale così da estendere lo stop anche a livello nazionale.

26 febbraio 2015
In questa pagina si parla di:
zoo
Fonte:
Lascia un commento