Sarà capitato a molti, magari durante una gita fuori porta, di attendere pazientemente il passaggio di mucche e pecore prima di poter attraversare una strada. Una condizione molto comune nei luoghi di campagna, ma del tutto insolita su superstrade e autostrade, dove la velocità dei veicoli rappresenta un pericolo sia per i guidatori che per gli stessi animali. Eppure, nel corso del weekend, circa 100 mucche hanno letteralmente preso possesso di una strada ad alta percorrenza negli Stati Uniti. Il tutto a causa si un incidente, con conseguenze che avrebbero potuto essere ben più gravi di quanto realmente successo.

La singolare vicenda è accaduta a Jackson, nel Mississipi, dove lo scorso venerdì una superstrada è stata chiusa per diverse ore data la presenza di ben 100 mucche sulla careggiata. A quanto pare, un tir per il trasporto di bestiame si sarebbe rovesciato a seguito di un incidente, liberando involontariamente i bovini. Sono servite cinque ore alle autorità locali per radunare gli esemplari e riavviare la circolazione.

L’incidente sarebbe stato causato da una svista dell’autista che, nel tentativo di prendere un’uscita, si è accorto come fosse quella sbagliata e ha cercato di rimettersi in carreggiata. Delle 100 mucche, 94 sono state recuperate e ricondotte sul tir, mentre una sarebbe stata uccisa dall’impatto con un’automobile. Altre 8, invece, sarebbero riuscite a fuggire nei vicini campi, tanto da far perdere qualsiasi traccia. L’autista del mezzo pesante è stato invece condotto in ospedale, per ferite minori, fortunatamente non pericolose per la sua sopravvivenza.

Non è la prima volta, tuttavia, che simili notizie appaiono sui media internazionali. Qualche tempo fa un allevatore cinese è stato sorpreso mentre cercava di condurre un migliaio di oche su una superstrada locale, causando una coda di veicoli, estesa per molteplici chilometri. È dovuta intervenire la polizia, poiché la presenza di animali su strade ad alta percorrenza è ovviamente vietata.

14 dicembre 2015
Fonte:
UPI
Immagini:
Lascia un commento