10 supercibi per il 2018

Iniziare il nuovo anno con tanti buoni propositi significa, senza dubbio, tutelare la salute e favorire il benessere alimentandosi nel modo migliore possibile. Un obiettivo comune che si realizza scegliendo con cura i cibi e le bevande da assumere, garantendo all’organismo un fabbisogno calorico adeguato senza eccessi ma anche evitando carenze, introducendo nella dieta quotidiana alcune tipologie di alimenti che, grazie alle proprietà nutritive, possono essere annoverati tra i cosiddetti supercibi.

Protagonisti di non pochi studi scientifici e spesso indagati dagli stessi nutrizionisti, i supercibi – o superfood – possono far parte della nostra tradizionale e rinomata dieta mediterranea oppure essere tipici della cucina di un territorio che si trova oltre i confini nazionali. Quello che è certo, in ogni caso, è il loro potenziale benefico e la capacità di proteggere da alcune malattie e prevenire molti disturbi anche gravi.

=> Scopri i cibi ricchi di vitamine contro i malanni

Solitamente a rendere preziosi questi supercibi sono il contenuto vitaminico o la presenza di ricche dosi di antiossidanti, indispensabili per contrastare l’invecchiamento cellulare: non significa, tuttavia, che questi alimenti possano essere considerati miracolosi o che siano in grado di sostituirsi ai farmaci, qualora vengano prescritti dal medico. Ecco un elenco dei dieci superfood che riempiranno le tavole nel 2018.

Quinoa

Quinoa

sarocha wangdee via Shutterstock

Gluten-free e povera di grassi, la quinoa appartiene alla categoria dei pseudocereali e si presta a un’infinità di ricette. Le sue virtù spaziano dalla presenza di magnesio in quantità elevate fino al benefico bilanciamento tra proteine e carboidrati. Contiene anche amminoacidi essenziali.

Tofu

Tofu

Settaphan Rummanee via Shutterstock

Ipocalorico ma sostanzioso, il tofu vanta un notevole apporto di proteine di origine vegetale e si rivela particolarmente benefico grazie all’assenza di colesterolo. Anche la componente vitaminica è particolarmente elevata, così come la presenza di sali minerali – calcio, ferro, fosforo, potassio – e amminoacidi essenziali.

Riso selvatico

Riso selvatico e cereali

Pixabay

Il riso selvatico si ricava dai semi della Zizania aquatica e si presenta di colore rosso-brunastro, con chicchi lunghi e affusolati. Si distingue dagli altri cereali per una maggiore componente proteica e un apporto di fibre decisamente superiore, oltre che per la presenza di antiossidanti, minerali e vitamine.

Zenzero

Zenzero

Pixabay

Usato come alimento protagonista di numerose ricette, lo zenzero si rivela molto utile per la preparazione di rimedi naturali mirati a risolvere alcune comuni problematiche di salute, dalla nausea agli stati influenzali. Aiuta anche a tenere sotto controllo colesterolo e glicemia.

=> Scopri i 5 cibi per l’intestino sano

Cipolla rossa

Cipolla

Elena Shashkina via Shutterstock

Vera e propria risorsa in cucina, la cipolla rossa è ricca di quercetina, flavonoide dall’ampio potere antiossidante che favorisce la lotta ai radicali liberi. Una proprietà che sembrerebbe anche rappresentare una risorsa preventiva contro la trasformazione delle cellule verso forme tumorali.

Patata dolce

Patata americana

mama_mia via Shutterstock

Rispetto alla patata tradizionale, la patata dolce o americana vanta un indice glicemico inferiore e si caratterizza per la presenza di carotenoidi, vitamina C e vitamina A, rispettivamente utili per il sistema immunitario e la salute delle mucose.

Avocado

Avocado tagliato

Avocado Pixabay

Tra i frutti esotici, l’avocado si rivela particolarmente ricco di grassi monoinsaturi, fibre, sali minerali e vitamine: aiuta a tenere a bada i livelli di colesterolo, a prevenire il diabete e a preservare la salute del sistema cardiovascolare. Vanta anche proprietà digestive e astringenti.

Noci

Noci

Pixabay

Molto amate durante la stagione invernale, le noci rappresentano una risorsa tutto l’anno grazie all’apporto di omega 3 che favoriscono la salute del cuore e le funzionalità neurologiche. Sono anche ricche di fibre, indispensabili per regolare il transito intestinale e contengono vitamine del gruppo B. Non sono ipocaloriche, tuttavia sono inserite spesso nelle diete in quantità limitate ma giornaliere.

Kiwi

Kiwi

Pixabay

Fonte di vitamina C per eccellenza, il kiwi è in grado di coprire il fabbisogno giornaliero di questa sostanza. Contiene potassio e vitamina E, ha potenziale antiossidante e favorisce il benessere intestinale contrastando la stipsi.

=> Scopri i cibi per combattere il gonfiore

Semi di zucca

Semi di zucca

wawritto via Shutterstock

I semi di zucca rappresentano una notevole fonte di triptofano, precursore della serotonina e necessario per favorire benessere e “buonumore”. Sono anche una riserva di magnesio.

1 gennaio 2018
Lascia un commento